Nove paesi europei del Sud Europa hanno firmato un accordo per affrontare insieme il cambiamento climatico

Venerdì i leader di Francia, Italia, Grecia, Spagna, Portogallo, Cipro, Malta, Slovenia e Croazia si sono incontrati ad Atene e hanno firmato un accordo per rafforzare la propria cooperazione nella gestione della crisi climatica e delle sue conseguenze.

L’intesa, alla cui firma era presente anche la presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen, impegna i paesi firmatari a collaborare in modo più stretto nell’elaborazione di politiche comuni sulle questioni più urgenti relative al cambiamento climatico, come il rispetto della biodiversità, la gestione delle foreste e dell’ambiente marino. Impegna inoltre i governi a rafforzare il proprio impegno nel raggiungimento degli obiettivi previsti dall’accordo di Parigi, il più importante trattato degli ultimi anni per contrastare il riscaldamento globale.

– Leggi anche: L’accordo sul clima, spiegato facile

L’accordo è arrivato dopo un’estate in cui il cambiamento climatico ha avuto effetti devastanti in molti dei paesi che lo hanno firmato, dovuti soprattutto a incendi e alluvioni. Secondo le analisi del programma Copernicus dell’Unione Europea, che si occupa di monitorare gli effetti del cambiamento climatico, l’estate appena trascorsa è stata la più calda mai registrata nel continente europeo, e ha raggiunto temperature particolarmente elevate soprattutto nei paesi europei del Mediterraneo.

Pompieri impegnati nella gestione di un incendio in Grecia, ad agosto del 2021 (AP Photo/Petros Karadjias, File)