(Harald Tittel/dpa via AP)
  • Mondo
  • giovedì 15 Luglio 2021

Le intense alluvioni in Germania

Nella parte occidentale del paese ci sono più di 50 morti e decine di dispersi, oltre a estesi danni a strade ed edifici: i soccorsi stanno proseguendo tra molte difficoltà

(Harald Tittel/dpa via AP)

Ci sono morti e dispersi in diverse aree della Germania occidentale a causa delle forti piogge, delle inondazioni e degli allagamenti che hanno provocato frane, interruzioni del traffico stradale e ferroviario, e il crollo di sei case a Schuld, in Renania-Palatinato. I giornali tedeschi parlano di almeno 59 morti, tra cui anche vigili del fuoco: alcuni dei corpi sono stati trovati solo dopo che le acque alluvionali hanno iniziato a ritirarsi. Le persone disperse sarebbero tra le 50 e le 70. Molte altre decine sono state costrette a rifugiarsi sui tetti delle loro case in attesa dei soccorsi.

Circa 200mila case sono rimaste senza elettricità e alcune zone del paese senza acqua potabile. A sud di Colonia è stata ordinata l’evacuazione di diverse cittadine a causa del rischio di crollo di una diga.

Oltre alla Renania-Palatinato, Euskirchen, nel Nordreno-Vestfalia, sembra essere una delle zone più colpite, anche perché le operazioni di soccorso sono ostacolate dall’interruzione delle connessioni telefoniche: «Attualmente abbiamo un numero non chiaro di persone sui tetti che devono essere soccorse», ha detto un portavoce della polizia di Coblenza: «Non abbiamo ancora un quadro molto preciso perché i soccorsi proseguono». Il servizio meteorologico della Germania ha fatto sapere che nelle zone sud-occidentali potrebbero verificarsi forti temporali anche nella giornata di oggi e fino a venerdì sera.

In Vulkaneifel, nella Renania-Palatinato, è stato dichiarato lo stato di emergenza: «La situazione è molto grave, abbiamo molte strade e villaggi allagati che non sono più accessibili», ha fatto sapere l'amministrazione locale. Lo stato di emergenza consentirà ai militari di unirsi ai soccorsi. Per ora, l'esercito tedesco ha inviato oltre 230 soldati per aiutare a liberare e ripulire le strade colpite dalle inondazioni, e in totale sono stati impiegati circa 850 uomini e donne per contribuire alle operazioni di soccorso.

«Non abbiamo mai visto un disastro simile. È semplicemente devastante», ha detto Malu Dreyer, che è a capo del governo regionale. Al parlamento statale della Renania-Palatinato si è tenuto giovedì mattina un minuto di silenzio per le persone colpite dalle inondazioni: «Ci sono morti, ci sono dispersi, ci sono molti che sono ancora in pericolo», ha aggiunto Dreyer.

A causa del forte maltempo, la situazione è critica anche in Belgio (dove si parla di nove morti e quattro dispersi), in Lussemburgo, in alcune zone dei Paesi Bassi e in parte della Francia. «L'UE è pronta ad aiutare», ha scritto su Twitter la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen.