Matteo Salvini non sarà processato per il caso della nave Gregoretti

Il giudice per l’udienza preliminare (GUP) Nunzio Sarpietro, del tribunale di Catania, ha deciso di non rinviare a giudizio Matteo Salvini per il caso della nave Gregoretti. Salvini era accusato di sequestro di persona per non aver fatto sbarcare 116 migranti che si trovavano sulla nave Gregoretti della Guardia costiera italiana a fine luglio del 2019, quando era ministro dell’Interno. Il giudice depositerà fra 30 giorni le motivazioni della sentenza.

La nave Gregoretti era rimasta dal 27 al 31 luglio fuori dal porto di Siracusa, ad Augusta, nonostante non fosse attrezzata per ospitare a lungo un numero così alto di persone; la situazione si era poi risolta quando alcuni paesi europei e la Chiesa cattolica si erano resi disponibili ad accogliere i migranti. A febbraio del 2020 il Senato aveva approvato la richiesta di processo che era stata fatta nel 2019 dal Tribunale dei ministri di Catania. L’udienza preliminare era iniziata a ottobre 2020, e in questi mesi il giudice aveva chiamato a testimoniare Giuseppe Conte, Luigi Di Maio, Danilo Toninelli, Elisabetta Trenta e Luciana Lamorgese.

Matteo Salvini (ANSA/MASSIMO PERCOSSI)