• Libri
  • giovedì 18 Marzo 2021

«La razza continuava a perseguitarmi»

Nadeesha Uyangoda racconta cosa vuole dire sentirsi italiana mentre tutti ti ricordano che non lo sei per il colore della pelle, nel libro "L'unica persona nera nella stanza"

«Ho sfregato via quanto di me era possibile, eppure la razza è rimasta con me – nel mio passaporto che sembrava non superare mai i controlli d’ingresso in aeroporto, nelle ispezioni «casuali» oltre le casse automatiche dei supermercati, nel tu dell’impiegato di banca che ritornava al lei col cliente successivo. Ogni volta grattavo via qualcos’altro: avevo smesso di parlare nella mia prima lingua, le mie buone maniere a tavola erano impeccabilmente occidentali, non mangiavo nulla con le mani, nemmeno la pizza, il mio nome era stato piegato alla facilità di pronuncia di qualcun altro, leggevo libri su bambini bianchi e guardavo film con bambini ancora più bianchi. Ero – sono – la perfetta pubblicità per un programma di assimilazione culturale. Ero – sono – ciò che gli inglesi, in maniera razzista, chiamano coconut, una noce di cocco, nera fuori, bianca dentro. Ma la razza continuava a perseguitarmi, ed era questo, ancor più del concetto in sé, a definirmi.»

.

Nadeesha Uyangoda, L’unica persona nera nella stanza, 2021

Nadeesha Uyangoda è nata in Sri Lanka e vive in Italia, in Lombardia, da quando ha sei anni, dagli anni Novanta. Fa la giornalista e si occupa in particolare di temi razziali e delle seconde generazioni. Nel 2019 raccontò in un articolo sul sito Not cosa volesse dire crescere in Italia, sentirsi italiana ma avere un colore della pelle per cui viene costantemente ricordato che non lo sei. Quell’articolo è lo spunto del libro appena uscito, con lo stesso titolo. È un saggio in cui, a partire dalla sua vita e dalla sua esperienza, racconta cosa significhi vivere da non bianchi in Italia: dalle coppie miste all’invisibilità di intellettuali non bianchi, da quale parola usare per definire una minoranza (nero, marrone, di colore) alla necessaria e sempre naufragata riforma della legge sulla cittadinanza.

Uyangoda conduce anche un podcast, Sulla razza, insieme a Nathasha Fernando e Maria Catena Mancuso, che si può ascoltare su Spotify, Apple e Google Podcasts.