• Mondo
  • giovedì 25 Febbraio 2021

Il primo ministro dell’Armenia ha accusato l’esercito di voler fare un colpo di stato contro di lui

Il primo ministro dell’Armenia, Nikol Pashinyan, ha accusato l’esercito di voler fare un colpo di stato contro di lui dopo che i militari avevano chiesto le sue dimissioni.

Giovedì l’esercito aveva diffuso un comunicato chiedendo le dimissioni di Pashinyan a causa delle proteste che vanno avanti da mesi nel paese, iniziate dopo la sconfitta dell’Armenia nella guerra contro l’Azerbaijan per il controllo della regione del Nagorno-Karabakh. Il comunicato era stato firmato dai principali leader dell’esercito, che si erano messi contro il governo dopo che Pashinyan, all’inizio di questa settimana, aveva licenziato il vice capo dell’esercito.
In risposta alla richiesta di dimissioni, Pashinyan ha parlato pubblicamente di «tentato colpo di stato» e ha ordinato il licenziamento del capo dell’esercito.

– Leggi anche: La guerra in Nagorno-Karabakh forse è finita

Il primo ministro armeno Nikol Pashinyan (Dmitry Astakhov, Sputnik, Kremlin Pool Photo via AP)