Un momento del trasloco della casa vittoriana a San Francisco (AP Photo/Noah Berger, LaPresse)
  • Mondo
  • lunedì 22 Febbraio 2021

A San Francisco una casa è stata spostata di quasi un chilometro

Per evitare la demolizione, una palazzina vittoriana del centro è stata trasportata su enormi carrelli trainati da camion

Un momento del trasloco della casa vittoriana a San Francisco (AP Photo/Noah Berger, LaPresse)

All’alba di domenica, nel pieno centro di San Francisco, una casa vittoriana dell’Ottocento è stata traslocata – nel senso che è stata proprio spostata tutta la palazzina – di qualche via, per un tragitto totale di circa 800 metri. L’operazione, abbastanza complessa, prevedeva che la casa venisse prima fatta scorrere su dei binari d’acciaio, e poi trasportata su degli enormi carrelli per qualche isolato con l’aiuto di due camion, uno davanti e uno dietro. Il trasloco ha evitato la demolizione della casa, un’abitazione storica che esiste da 139 anni e che si trovava a pochi isolati dal municipio, non lontano dai quartieri Castro e Mission.

Secondo KPIX 5, una televisione della CBS che ha sede a San Francisco, il proprietario voleva costruire sul sito della casa decine di nuovi appartamenti: ristrutturare e ingrandire la vecchia casa sarebbe stato molto più difficile e costoso che fare un intero palazzo nuovo, ma ha comunque preferito spostarla piuttosto che abbatterla, in quanto edificio storico. Negli anni Sessanta e Settanta, un periodo di grande sviluppo e rinnovamento urbano a San Francisco, era comune che le case vittoriane – cioè costruite nello stile nato nell’Inghilterra del XIX secolo – venissero spostate per preservarne il patrimonio storico e architettonico, ma non era più successo dal 1974. Molte altre case vittoriane, invece, vennero semplicemente demolite.

Secondo il San Francisco Chronicle, oltre 600 persone si sono riunite per assistere al trasloco, che è stato piuttosto lento: ci sono volute 4 ore per percorrere meno di un chilometro. Per la sicurezza dell’abitazione era necessario che tutto avvenisse con molta calma, soprattutto nella prima parte del tragitto, che era in discesa. La velocità più alta raggiunta dai carrelli è stata intorno a 25 metri al minuto, ma in alcune fasi è stata molto inferiore.

– Leggi anche: A Shanghai hanno fatto camminare una scuola

L’azienda che si è occupata di spostarla era già esperta in questo genere di traslochi, anche se uno dei dipendenti ha raccontato che si è trattato di un caso più difficile da gestire rispetto al solito, dato che la casa è lunga più di 24 metri e ha dovuto svoltare 3 incroci. Proprio per questo diversi fattori erano stati calcolati in anticipo, e nel percorso erano già stati tolti alcuni parchimetri, semafori e cartelli stradali di intralcio al passaggio. Altri invece sono stati tolti durante il trasloco stesso, e anche i rami degli alberi sono stati tagliati man mano. Per qualche ora il traffico è stato bloccato (e infatti la casa ha fatto una parte del percorso in contromano) e i cavi della luce sono stati spenti.

Il proprietario della casa vittoriana è un broker di San Francisco a cui tutta l’operazione, che comprende molte spese tra i permessi da chiedere al comune e il trasloco stesso, è costata intorno ai 400mila dollari (circa 330mila euro). Molti abitanti di San Francisco intervistati dai media locali si sono detti felici di poter preservare una casa di questo genere nel patrimonio cittadino, piuttosto che avere nuove costruzioni tutte molto simili tra loro.

Nel suo vecchio sito, al numero 807 di Franklin Street, verrà costruito un palazzo di otto piani con 48 appartamenti. Il nuovo indirizzo della casa vittoriana sarà invece il 635 di Fulton Street, dove verrà riorganizzata in abitazioni per famiglie.

– Leggi anche: La volta che a Bucarest spostarono delle chiese