• Politica
  • Questo articolo ha più di un anno

Il voto sulla piattaforma Rousseau sul sostegno al governo Draghi si terrà domani

Il Movimento 5 Stelle ha annunciato che il voto sulla piattaforma Rousseau sul sostegno al potenziale governo guidato dal presidente del Consiglio incaricato Mario Draghi si terrà domani, giovedì 11 febbraio, dalle ore 10.00 alle ore 18.00: potrà esprimersi chi è iscritto a Rousseau da almeno 6 mesi.

Il quesito al quale dovranno rispondere gli iscritti e le iscritte che vorranno partecipare è:

Sei d’accordo che il MoVimento sostenga un governo tecnico-politico: che preveda un super-Ministero della Transizione Ecologica e che difenda i principali risultati raggiunti dal MoVimento, con le altre forze politiche indicate dal presidente incaricato Mario Draghi?

Nel post si spiega che durante le consultazioni con Draghi la delegazione del M5S «ha riscontrato una concordanza col presidente incaricato di porre, come tema prioritario, la transizione ecologica ed energetica del paese. Per rendere concreta questa prospettiva, il MoVimento ha proposto l’istituzione di un Super Ministero per la transizione Ecologica, che sia centrale nell’azione di governo». Oggi, i movimenti ambientalisti che hanno incontrato Draghi, dopo gli enti locali e le parti sociali, hanno riferito che questo ministero sarà istituito.

Sul blog del Movimento si dice poi che «c’è stata una comune volontà di proseguire il lavoro fatto dal governo Conte sui progetti del Recovery Plan» e che c’è stato «un riconoscimento, da parte del presidente incaricato, del ruolo svolto dal Movimento che ha riportato centrali i temi dell’onestà e trasparenza nella gestione della cosa pubblica». E ancora: «Abbiamo favorevolmente accolto la prospettiva di arrivare a un bilancio comune europeo, ispirato ai principi di solidarietà e di reciproco sostegno dei paesi membri».

Si dice anche che sulla riforma della prescrizione era stato trovato un accordo soddisfacente «con il Partito Democratico e Liberi E Uguali», che Draghi durante le consultazioni «ha sostenuto l’importanza del reddito di cittadinanza, dichiarando la volontà di rafforzare ulteriormente questo strumento» e che è stata «trovata una comune visione sul ruolo dell’intervento pubblico in economia, necessario per sostenere la crisi di molti settori produttivi, sopraggiunta a causa della pandemia».

Si spiega però che il Movimento 5 Stelle «non sarà disponibile in alcun modo a sostenere l’attivazione del MES», cioè lo strumento comunitario che mette a disposizione dei paesi una linea di credito per finanziare i sistemi sanitari.

Le votazioni si sarebbero dovute tenere il 10 febbraio, ma poi erano state rimandate. La piattaforma Rousseau è il sito internet dove si tengono le consultazioni interne del Movimento 5 Stelle con i propri sostenitori. Viene usato per esempio per le primarie, per votare cambi nello statuto del Movimento 5 Stelle, o per altre questioni rilevanti nella politica nazionale. Tra le altre cose, in passato si è votato per entrambe le alleanze di governo stipulate con Lega e Partito Democratico, rispettivamente nel 2018 e 2019.