• Cultura
  • venerdì 11 Dicembre 2020

È morto il regista sudcoreano Kim Ki-duk, aveva 59 anni

Il regista sudcoreano Kim Ki-duk è morto venerdì in Lettonia per complicazioni legate alla COVID-19, la malattia causata dal coronavirus. Kim Ki-duk aveva 59 anni ed era famoso per Primavera, estate, autunno, inverno… e ancora primavera (2003), per Ferro 3 – La casa vuota (2003) con cui vinse il Leone d’argento alla Mostra del cinema di Venezia, per il documentario Arirang (2011), che ottenne il premio della sezione “Un Certain Regard” al festival di Cannes, per Pietà, Leone d’oro nel 2012 e infine per il documentario Moebius. La notizia della sua morte è stata data inizialmente dal sito lettone Delfi.lt e poi confermata dalla famiglia di Kim ai giornali sudcoreani. Secondo le prime informazioni, Kim si trovava in Lettonia da alcune settimane e di recente era stato ricoverato in ospedale.

Getty Images