Pornhub ha limitato la pubblicazione dei contenuti dopo essere stato accusato di mostrare abusi su minori

Pornhub, uno dei siti di pornografia più visitati al mondo, ha detto di aver modificato in modo significativo le modalità con cui possono essere pubblicati e scaricati i contenuti sulla sua piattaforma, dopo che un articolo del New York Times ha accusato il sito di permettere la pubblicazione di video che mostrano abusi su minori e violenze sessuali.

Martedì Pornhub ha annunciato che non accetterà più caricamenti da utenti non verificati: è un cambiamento importante per un sito che ha costruito il suo successo sui contenuti amatoriali. Da martedì possono caricare contenuti solo utenti come le case di produzione e i membri del “Model Program” della piattaforma. Pornhub ha detto che sta lavorando per il 2021 a un sistema di verifica dei contenuti per tutti gli utenti.

Le accuse scontro Pornhub erano contenute in un articolo dell’editorialista Nicholas Kristof pubblicato il 4 dicembre sul New York Times: Kristof aveva scritto di aver trovato su Pornhub moltissimi video che mostravano violenze su minorenni o su donne in stato di incoscienza, contenuti che violavano anche le linee guida dello stesso Pornhub. Lunedì Mastercard, la grande società di carte di credito, aveva detto che stava indagando per verificare le accuse e di essersi messa in contatto con MindGeek, la società canadese che controlla Pornhub. Mastercard aveva detto che se le accuse fossero state confermate avrebbe sospeso i pagamenti a Pornhub.

Kristof ha scritto su Twitter che, per limitare la pubblicazione di contenuti che mostrano abusi, «molto dipenderà da quanto responsabilmente Pornhub» implementerà i meccanismi di controllo, ma che, nonostante l’azienda «non si sia guadagnata la sua fiducia», le nuove iniziative sembrano «significative».

(Ethan Miller/Getty Images)