• Mondo
  • venerdì 13 Novembre 2020

A Montreal c’è stata una grande operazione di polizia, partita da una segnalazione falsa

(L’articolo è stato modificato sabato 14 novembre con gli ultimi aggiornamenti)

A Montreal, in Canada, c’è stata una grande operazione di polizia presso la sede di Ubisoft (un’azienda sviluppatrice ed editrice di videogiochi), sul St. Boulevard, nel quartiere di Mile End.
L’operazione è iniziata in seguito a una telefonata al numero di emergenza locale che segnalava la presenza di persone armate. Al termine dell’operazione, la polizia ha detto di non aver rilevato nessuna minaccia concreta, e che la segnalazione era falsa.

Attorno alle 15 (ora locale) di venerdì 13, nella zona sono arrivate molte ambulanze e squadre di agenti armati. Alcune immagini scattate nella zona e condivise sui social network mostravano inoltre decine di persone sul tetto dell’edificio, con la porta d’accesso al tetto bloccata dall’esterno con grossi oggetti. La zona è stata isolata e ai cittadini di Montreal è stato chiesto di non avvicinarsi.

Un impiegato di Ubisoft ha raccontato alla Montreal Gazette che alle 15.20 circa si è barricato in una stanza insieme ai suoi colleghi, mentre la polizia perlustrava l’edificio.

Poco prima delle 16 (ora locale, le 22 ora italiana), la polizia ha detto che non è stata identificata nessuna concreta minaccia e ha cominciato le procedure di evacuazione per le persone all’interno dell’edificio. Decine di persone sono state poi scortate all’esterno.

(Google Maps)