• Mondo
  • domenica 20 Settembre 2020

Il blocco di WeChat negli Stati Uniti è stato temporaneamente sospeso

Un giudice della Corte distrettuale statunitense del North Carolina ha emesso un’ingiunzione contro l’ordine esecutivo firmato dal presidente Donald Trump che impediva all’applicazione di messaggistica cinese WeChat di operare negli Stati Uniti. L’ingiunzione è stata motivata dai dubbi sulla compatibilità dell’ordine esecutivo con il primo emendamento della Costituzione, che garantisce la terzietà della legge. Le app di WeChat e TikTok, altro social network cinese, avrebbero dovuto essere bloccate oggi per questioni di sicurezza nazionale, ma gli ultimi sviluppi del caso hanno sospeso temporaneamente entrambi i procedimenti. Il blocco di TikTok è stato evitato ieri, dopo che Trump aveva autorizzato l’investimento nella società proprietaria da parte della multinazionale americana Oracle.

(Kevin Frayer/Getty Images)