• blog
  • venerdì 18 Settembre 2020

Ricominciamo da Faenza

Sabato 26 settembre ritorna "Talk", una giornata del Post per vedersi - con cautela - e parlare un po' di tutto, con molti ospiti

Proprio un anno fa il Post tenne un primo esperimento di un progetto a cui pensavamo da tempo, e che abbiamo chiamato Talk. Una giornata di incontri in una città italiana, intorno ai temi dell’attualità e della cultura e alle cose di cui si occupa il Post, insieme ai suoi giornalisti, a suoi amici e collaboratori, e ad altri ospiti.

La ragione principale era costruire nuove e più frequenti occasioni di vedersi e incontrarsi anche fuori da questi mondi digitali, e raccontare e ascoltare cose interessanti e piacevoli “dal vivo”.
Nacque così, grazie alle ospitalità e interessi di quella città, la prima edizione di Talk a Faenza, da cui uscimmo tutti assai soddisfatti e contenti, avendo incontrato molti lettori assidui o nuovi. Quella soddisfazione si fece pubblicità, e diverse altre città chiesero al Post di ospitare giornate simili nel 2020: e Faenza stessa decise di ripetere l’esperienza anticipandola già a primavera.

Poi invece c’è stato quello che c’è stato, come sapete: e con dispiacere tutto era stato accantonato in attesa di tempi più opportuni. Adesso che molti festival ed eventi pubblici hanno ripreso, abbiamo verificato che anche Talk potesse ripartire, con le attenzioni e i cambiamenti necessari. E quindi, con un gran lavoro delle ultime settimane di cui ringraziamo tutti i coinvolti, il programma di Talk a Faenza sabato 26 settembre è pronto, e lo è anche la tradizionale e nota accoglienza romagnola per tutti quelli che vorranno raggiungerci.

Il programma esatto e completo è qui, ma ci saranno Ilaria Capua, Cesare Cremonini, Samantha Cristoforetti, Lia Quartapelle, Paolo Nori, Eva Giovannini, Marino Sinibaldi, Max Mascia, Ermete Realacci, Filippo Solibello, Anna Prandoni, Mauro Berruto. E una nutrita compagine del Post, naturalmente. Si comincia col classico repertorio dei Giornali spiegati bene, con Luca Sofri e Francesco Costa, e si procede per tutta la giornata. Facendo naturalmente attenzione ad accessi, spazi, vicinanze: per cui vi chiederemo prudenza e pazienza.
Ci vediamo lì.

TAG: ,