• Mondo
  • martedì 28 Luglio 2020

I dipendenti di Google potranno lavorare da casa fino all’estate del 2021

I dipendenti di Google potranno lavorare da casa per l’emergenza coronavirus fino a luglio del 2021. Secondo il Wall Street Journal, che cita fonti interne all’azienda, la decisione dovrebbe riguardare tutti i 200mila dipendenti del gruppo Alphabet Inc., società che controlla tutte le aziende legate a Google, e dovrebbe essere comunicata ai dipendenti nelle prossime ore.

Google è una delle prime multinazionali americane di tecnologia a decidere di protrarre l’utilizzo del lavoro da casa fino all’estate del prossimo anno, mentre la maggior parte delle aziende del settore ha previsto un ritorno in ufficio per gennaio 2021.

Google aveva chiuso i suoi uffici a marzo, quando la pandemia aveva colpito duramente San Francisco, la città più vicina alla sua sede principale. Inizialmente il ritorno dei lavoratori in sede era previsto per il 6 luglio 2020, ma dopo l’ulteriore diffusione del contagio in California l’azienda aveva prima deciso di posticipare la data di rientro in ufficio al settembre 2020 e poi di aspettare l’evoluzione del contagio.

Lo scorso maggio Twitter aveva stabilito che i suoi dipendenti, se lo vorranno, anche dopo l’emergenza da coronavirus, potranno lavorare da casa «per sempre».

Le cose da sapere sul coronavirus

(Arturo Holmes/Getty Images)