• Italia
  • venerdì 3 Luglio 2020

L’ex bandito Graziano Mesina è irreperibile

Graziano Mesina, ex storico esponente del banditismo sardo, dal 2 luglio è irreperibile, secondo quanto scrive l’Unione Sarda. Nella stessa giornata la Corte di Cassazione aveva respinto il ricorso presentato dagli avvocati di Mesina dopo la condanna in appello a 30 anni di carcere per associazione a delinquere finalizzata al traffico internazionale di stupefacenti. La condanna è diventata quindi effettiva e Mesina, che un anno fa era stato scarcerato per decorrenza dei termini, avrebbe dovuto tornare in carcere.

Il 2 luglio Mesina però non si è presentato nella caserma dei carabinieri di Orgosolo, in provincia di Nuoro, dove vive e dove ha l’obbligo quotidiano di firma. Quando gli stessi carabinieri nella notte hanno raggiunto l’abitazione di Mesina per arrestarlo non l’hanno trovato. Prima di questa nuova condanna – secondo cui Mesina sarebbe stato a capo di due gruppi criminali impegnati nel traffco di droga nell’isola – a Mesina nel 2004 era stata concessa la grazia dall’allora presidente della Repubblica Ciampi per i numerosi reati, soprattutto sequestri di persona, commessi fino ad allora.

Graziano Mesina mentre esce dal carcere di Voghera dopo aver ottenuto la grazia dal presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi, il 25 novembre del 2004 (Ansa/FABRIZIO RADAELLI)