(Steve Dykes/Getty Images)
  • Mondo
  • giovedì 30 Aprile 2020

L’inventiva soluzione di uno strip club dell’Oregon durante l’emergenza coronavirus

Si è convertito a ristorante con consegne a domicilio, trovando un'altra occupazione per le sue ballerine

(Steve Dykes/Getty Images)

In seguito alla chiusura dei ristoranti per contenere il coronavirus, il Lucky Devil, uno strip club di Portland, in Oregon, si è convertito in un ristorante dove le consegne a domicilio, l’unica forma di ristorazione consentita dalla legge, sono fatte dalle ballerine che prima si esibivano nel locale in spettacoli di burlesque.

Il proprietario del locale, Shon Boulden, decise di consegnare cibo a domicilio il giorno dopo l’entrata in vigore delle restrizioni, il 16 marzo, ma i piatti non erano così richiesti, visto che la principale attrattiva del Lucky Devil erano gli spettacoli, non la sua cucina. Così, preso dalla disperazione, scrisse su Twitter che avrebbe fatto fare le consegne alle ballerine: era solo una battuta, ma le risposte lo convinsero a offrire il servizio.

Adesso è possibile ordinare solamente il cibo, farselo portare a casa dalle ballerine oppure ritirarlo e assistere dall’auto a uno spettacolo di pole dance in un tendone; gli ultimi due servizi costano 30 dollari in più, circa 28 euro. Lo spettacolo prevede anche dei regalini al pubblico, come pezzetti di cannabis e rotoli di carta igienica, che vengono distribuiti dalle ballerine con dei bastoni simili a quelli usati per raccogliere la spazzatura (negli Stati Uniti nelle ultime settimane c’è stata carenza di carta igienica).

Le ballerine, a cui viene misurata frequentemente la temperatura, indossano guanti e mascherine, e hanno con sé bottigliette di gel igienizzante; nelle consegne a domicilio sono accompagnate da un autista e da un buttafuori che controllano il rispetto della distanza di sicurezza. Boulden ha detto a Reuters che le entrate sono solo un sesto di quelle precedenti alla pandemia e che molti suoi dipendenti stanno ricevendo il salario minimo.

– Leggi anche: La grande crisi della carta igienica