• Italia
  • mercoledì 22 Aprile 2020

La Guardia di Finanza ha confiscato beni per un valore di 18 milioni di euro al gruppo criminale degli Spada di Ostia

La Guardia di Finanza ha confiscato beni per più di 18 milioni di euro alla famiglia degli Spada, che controlla un’organizzazione criminale di Ostia che da anni estorce il pizzo ai commercianti della zona e gestisce l’assegnazione delle case popolari.

La misura è il risultato di un’indagine economico finanziaria che ha dimostrato come i modesti redditi dichiarati dai leader del gruppo non avrebbero consentito gli investimenti importanti che avevano fatto: sarebbero invece derivati dalle attività di estorsione, usura e traffico di droga.

Il sequestro riguarda beni mobili e immobili tra cui 19 società, 2 ditte individuali e 6 associazioni sportive e culturali a Ostia e nel Comune di Roma; gestivano bar, forni, slot machine, distributori di carburante, palestre, concessionarie d’auto. Erano stati intestati a dei prestanome e la polizia sta indagando su circa 50 persone coinvolte.

Gli Spada sono diventati particolarmente noti in tutta Italia dal 2017 dopo che un loro membro, Roberto Spada, aveva aggredito il giornalista Daniele Piervincenzi e il suo cameraman durante le riprese di un servizio tv sull’organizzazione per il programma Nemo di RaiDue. Roberto Spada è il fratello di Carmine Spada, condannato in primo grado nel giugno 2016 per estorsione con l’aggravante del metodo mafioso.

– Leggi anche: Chi sono gli Spada, a Ostia

Ostia (ANSA / Telenews)