Roger Stone (AP Photo/Manuel Balce Ceneta)
  • Mondo
  • Questo articolo ha più di tre anni

Roger Stone, ex consigliere di Trump, è stato condannato a 3 anni e 4 mesi di carcere

Nell'ambito dell'inchiesta sulle interferenze russe nella campagna elettorale statunitense del 2016

Roger Stone (AP Photo/Manuel Balce Ceneta)

Roger Stone, consulente politico statunitense ed ex consigliere del presidente Donald Trump, è stato condannato a 40 mesi di carcere nell’ambito dell’inchiesta sulle interferenze russe nella campagna presidenziale del 2016. Stone, 67 anni, era stato già condannato lo scorso novembre per diversi reati, tra cui intralcio alla giustizia, falsa testimonianza e per avere fatto da tramite tra il comitato elettorale di Trump, gli hacker russi e Wikileaks, ma la pena che dovrà scontare è stata comunicata solo oggi.

Leggi anche: Che personaggio, Roger Stone

Pubblicità

Il processo contro Stone è stato piuttosto travagliato. La scorsa settimana uno dei procuratori dell’inchiesta si era dimesso dopo che alcuni funzionari del dipartimento della Giustizia avevano fatto pressioni affinché la pena chiesta per Stone – dai sette ai nove anni di prigione – fosse diminuita. L’episodio aveva attirato molte critiche sul dipartimento di Giustizia, accusato di aver agito per difendere gli interessi personali di Trump. Su Twitter lo stesso Trump aveva definito la richiesta dell’accusa «orribile e ingiusta».

Sulla questione era poi intervenuto il procuratore generale William Barr, che aveva smentito di essere coinvolto nelle pressioni esercitate dal dipartimento della Giustizia per ridurre la pena a Stone. Barr aveva criticato Trump per il tweet, ma secondo molti era stata una specie di critica “di facciata” per evitare di essere accusato di prendere decisioni favorevoli al presidente. Anche Barr aveva chiesto una riduzione della pena contro Stone.