In Irlanda il Fianna Fáil non vuole fare un governo con il Sinn Féin

Il Fianna Fáil, il partito che ha ottenuto il maggior numero di seggi (38 su 160) nella camera bassa del Parlamento irlandese alle elezioni di sabato, ha detto che non cercherà di formare un governo con il Sinn Féin, il partito nazionalista di sinistra che ha ottenuto solo un seggio in meno ma un maggior numero di voti. Il leader del partito Michael Martin ha detto che questo finesettimana inizierà a parlare con il Fine Gael, il partito del primo ministro uscente Leo Varadkar, e con altri partiti minori per provare a formare un’alleanza di governo.

Il Sinn Féin non è mai stato considerato un possibile alleato dagli altri due grandi partiti irlandesi – il Fianna Fáil e il Fine Gael, entrambi di centrodestra – per via dei suoi vecchi legami con l’IRA, l’organizzazione militare che lottò contro la permanenza dell’Irlanda del Nord nel Regno Unito.

Il Fianna Fáil e il Fine Gael si erano alleati anche nella precedente legislatura, ma non con una coalizione: il Fianna Fáil aveva sostenuto il governo del Fine Gael senza entrarci, restando all’opposizione. Durante la campagna elettorale Varadkar aveva detto che avrebbe preso in considerazione l’idea di fare una vera e propria coalizione con il Fianna Fáil per la prima volta: è probabilmente meno favorevole a sostenere dall’opposizione il Fianna Fáil per il timore di perdere altri voti. C’è anche il rischio che un’alleanza tra Fianna Fáil e Fine Gael, storicamente avversari per quanto piuttosto vicini come orientamento politico, riduca le differenze tra i due partiti e favorisca il Sinn Féin come prima forza di opposizione.

Giovedì la leader del Sinn Féin Mary Lou McDonald ha detto che per il suo partito sarebbe impossibile formare un governo senza il Fianna Fáil o il Fine Gael e anche che un’alleanza tra questi due sarebbe «uno schiaffo in faccia all’elettorato irlandese», che scegliendo il Sinn Féin come primo partito ha espresso un desiderio di cambiamento.

Dopo le scorse elezioni politiche c’erano volute 10 settimane di negoziati prima di arrivare al governo di minoranza del Fine Gael.

Il leader del partito irlandese Fianna Fáil Micheal Martin, il 9 febbraio 2020, a Cork (Jeff J Mitchell/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.