• Mondo
  • giovedì 13 febbraio 2020

Il Senato americano ha approvato un disegno di legge per evitare che Trump attacchi l’Iran senza il consenso del Congresso

È successo grazie ai voti di 8 senatori Repubblicani, che però non potranno evitare che Trump blocchi il provvedimento con il veto presidenziale

Il Senato degli Stati Uniti ha approvato un disegno di legge per impedire che il presidente possa ordinare un attacco all’Iran senza prima consultare il Congresso. Il disegno di legge, passato anche grazie ai voti di otto senatori Repubblicani, era già stato approvato alla Camera dei Rappresentanti a gennaio, dopo l’uccisione del generale iraniano Qassem Suleimani. Ora dovrà essere nuovamente approvato dalla Camera perché prima del voto in Senato sono state fatte alcune modifiche, ma ci si aspetta che il presidente Donald Trump blocchi la legge usando il veto presidenziale, come ha già detto che farà.

Il Congresso ha la possibilità di superare un veto presidenziale con una nuova votazione alla Camera e una al Senato in cui ci siano almeno i due terzi dei voti a favore: per ottenerli al Senato, più di dieci altri senatori Repubblicani dovrebbero sostenere il disegno di legge, e nemmeno alla Camera, a gennaio, si era raggiunta una maggioranza tanto grande.

Se venisse definitivamente approvato, il disegno di legge imporrebbe a Trump di chiedere il benestare del Congresso prima di intraprendere azioni militari contro l’Iran e potrebbe farlo solo se il parlamento americano decidesse di dichiarare guerra o permettere l’uso della forza militare per uno specifico obiettivo. Non sarebbe necessario consultare il Congresso solo nel caso di azioni militari necessarie a difendere gli Stati Uniti da un attacco imminente.

Donald Trump, il 12 febbraio 2020 (AP Photo/Evan Vucci)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.