La multinazionale Unilever smetterà di rivolgere le pubblicità di gelati e dolciumi ai bambini con meno di 12 anni

La multinazionale olandese-britannica Unilever ha detto che smetterà di fare pubblicità dei suoi gelati e dolciumi rivolte ai bambini con meno di 12 anni, prendendo atto del fatto che secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) l’obesità infantile è uno dei problemi di salute più gravi del 21esimo secolo. La decisione riguarda sia le pubblicità tradizionali che sui social network per diversi marchi dell’azienda, come Algida. Per questo tra le altre cose Unilever non collaborerà più con influencer che si rivolgono al pubblico dei minori di 12 anni e ridurrà l’uso di cartoni animati nelle pubblicità.

Inizialmente questo cambiamento verrà applicato al settore dei gelati, relativamente al quale negli ultimi cinque anni Unilever aveva anche deciso di diminuire la quantità di calorie e zuccheri per porzione nei prodotti pensati per i bambini – ad esempio il gelato Twister, di Algida.

(La Presse/Tim Ireland/PA Wire)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.