• Mondo
  • sabato 8 Febbraio 2020

Trump ha licenziato due importanti membri della sua amministrazione che avevano testimoniato contro di lui nel processo sull’impeachment

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump, che mercoledì era stato assolto dal Senato nel processo per impeachment a suo carico, ha licenziato due importanti membri della sua amministrazione che avevano testimoniato contro di lui: uno è Gordon Sondland, ambasciatore degli Stati Uniti all’Unione Europea, e l’altro è Alexander Vindman, colonnello responsabile degli Affari europei al Consiglio di Sicurezza Nazionale. Negli scorsi due giorni, Trump aveva definito «cattivi» e «corrotti» quelli che avevano testimoniato contro di lui, e la sua portavoce aveva detto che avrebbero pagato.

Trump era stato accusato di abuso di potere e ostruzione al Congresso, per aver fatto pressioni sul presidente ucraino Volodymyr Zelensky – minacciando di bloccare gli aiuti militari – perché indagasse sul suo avversario politico Joe Biden e su suo figlio Hunter, che aveva accettato un ruolo dirigenziale in una società energetica ucraina. Sondland e Vindman avevano testimoniato davanti al Congresso lo scorso novembre, compromettendo la posizione di Trump e incolpandolo. Trump poi è stato comunque assolto al termine del processo di impeachment, avendo una solida maggioranza al Senato.

(Alex Wong/Getty Images)