Facebook pagherà 550 milioni di dollari per risolvere una causa legale sull’uso del riconoscimento facciale

Facebook ha annunciato mercoledì che pagherà 550 milioni di dollari (circa 500 milioni di euro) per risolvere una causa legale con alcune associazioni dell’Illinois, negli Stati Uniti, sull’uso del riconoscimento facciale. Facebook è stata accusata sulla base di una legge statale che obbliga le aziende tecnologiche a chiedere il permesso scritto agli utenti prima di raccogliere dati biometrici come le impronte digitali o i tratti del volto, e inizialmente Facebook aveva respinto le accuse. Facebook possiede una tecnologia di riconoscimento facciale che permette di riconoscere i volti nelle foto caricate sul suo social network. «Abbiamo deciso di accordarci perché la cosa migliore per la nostra community e per i nostri azionisti era di andare avanti e lasciarci questa questione alle spalle», ha detto in un comunicato un portavoce della società.

(AP Photo.The Canadian Press, Adrian Wyld, file)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.