• Italia
  • giovedì 30 gennaio 2020

Ci sono due casi confermati di nuovo coronavirus in Italia

Sono due turisti cinesi che attualmente si trovano in isolamento: l'ha detto Giuseppe Conte spiegando anche che il governo ha deciso di sospendere i voli da e per la Cina

Il presidente del consiglio Giuseppe Conte ha detto che in Italia sono stati confermati due casi di nuovo coronavirus (2019-nCoV): sono due turisti cinesi che da ieri si trovano in isolamento all’Istituto Nazionale Malattie Infettive Spallanzani di Roma. Il direttore scientifico dell’ospedale Giuseppe Ippolito ha spiegato che sono in buone condizioni: non sono stati contagiati in Italia, ma sono arrivati a Roma dopo aver contratto altrove il virus. Durante la conferenza stampa è stato anche detto che l’autorità sanitaria regionale sta tracciando, per precauzione, il percorso dei due turisti e i contatti che possono aver avuto nelle ultime ore. Il presidente del consiglio ha anche detto che il governo ha deciso di sospendere il traffico aereo da e per la Cina.

Conte ha aggiunto: «Siamo vigili e molto attenti: non ci siamo fatti trovare impreparati. Lo Spallanzani è la Bibbia in questo settore. Non c’è nessun motivo di creare panico e allarme sociale». Ha poi dichiarato di aver convocato per domani mattina un Consiglio dei ministri in cui saranno adottate «ulteriori misure per mettere al corrente tutte le strutture competenti su una situazione critica, ivi compresa la Protezione civile».

In serata, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha dichiarato la diffusione del nuovo coronavirus (2019-nCoV) un’emergenza sanitaria internazionale. Durante una conferenza stampa a Ginevra, il direttore generale dell’OMS, Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha detto: «Il motivo principale non è quello che sta accadendo in Cina, ma quello che sta accadendo in altri paesi». Ha anche detto che il numero dei morti dovuti alla diffusione del nuovo coronavirus è salito a 170 mentre i casi confermati di infezione sono 7834, di cui 7736 in Cina.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.