Facebook ha rimosso il video di Salvini che citofona a casa di un presunto spacciatore per «incitamento all’odio»

Facebook ha rimosso il video pubblicato da Matteo Salvini lo scorso 21 gennaio in cui lo si vedeva andare a citofonare a casa di un ragazzo di origini tunisine nel quartiere popolare del Pilastro, a Bologna, accusandolo di essere uno spacciatore e facendone pubblicamente il nome davanti alle telecamere. Successivamente si era scoperto che il ragazzo è italiano e minorenne (e a quanto sembra, non è nemmeno uno spacciatore).

– Leggi anche: Cosa sappiamo del ragazzo che Salvini ha accusato di spaccio

Il video è stato rimosso nelle prime ore di martedì, quindi sette giorni dopo il suo caricamento, perché non rispetta gli Standard della comunità di Facebook in materia di incitamento all’odio. Il video era disponibile a questo link e al momento risulta quindi irraggiungibile.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.