• Italia
  • giovedì 23 gennaio 2020

Cosa sappiamo del ragazzo che Salvini ha accusato di spaccio

È uno studente italiano minorenne e ha respinto le accuse che Salvini aveva fatto a lui e a suo padre

I giornali hanno raccolto qualche informazione sul ragazzo che martedì sera è stato accusato di essere uno spacciatore da Matteo Salvini, leader della Lega, durante un evento elettorale nel quartiere popolare del Pilastro, a Bologna. Il ragazzo si chiama Yassine, ha 17 anni, è uno studente e ha respinto le accuse fatte da Salvini nei confronti suoi e della sua famiglia, rifiutandosi però di parlare con i giornalisti e limitandosi a diffondere un video in cui risponde ad alcune domande della sua avvocata su quello che è successo.

Martedì sera, mentre passeggiava nel quartiere Pilastro seguito da decine di giornalisti e ripreso in diretta su Facebook, Matteo Salvini aveva citofonato a casa di una famiglia chiedendo al citofono se fosse vero che in quella casa ci fossero spacciatori e chiedendo di poter entrare in casa per verificarlo. Salvini era stato portato a quell’appartamento da un’altra residente del quartiere, una donna che sosteneva che sia il figlio che il padre di quella famiglia fossero spacciatori: nel video sia Salvini che la donna avevano detto che in quella casa vivevano «dei tunisini» e avevano fatto pubblicamente il nome della famiglia e anche quello di Yassine, detto Iaia, indicando che il loro appartamento fosse al primo piano.

– Leggi anche: Il caso Gregoretti, in breve

La famiglia che vive nella casa non ha parlato pubblicamente di quello che è successo e i giornalisti sono riusciti soltanto a scambiare qualche parola con Yassine e a raccogliere qualche altra informazione sul loro conto. Il padre – di origini tunisine – lavora come corriere per Bartolini, mentre la madre – italiana – è in pensione e lavorava in una mensa. Il fratello maggiore di Yassine – che non abita più con il resto della famiglia – ha qualche precedente per furto e rissa, ma non per droga. Yassine ha negato di essere uno spacciatore e ha detto che lui e la sua famiglia sono molto feriti per quello che è accaduto, e ha spiegato che la donna che li ha accusati aveva già in passato avuto problemi con la sua famiglia e con molti altri abitanti del quartiere.

In un video diffuso dall’avvocata a cui si è rivolta la famiglia, Yassine ha detto che le accuse lo hanno messo molto a disagio – «Mi viene da pensare adesso alla gente come mi guarda, [..] non esco più come prima, adesso vado a calcio e i miei amici come mi guardano?» – e ha chiesto a Matteo Salvini di rimuovere il video da Facebook.

– Leggi anche: I “decreti sicurezza” sono un fallimento

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.