Vladimir Putin (AP Photo/Alexander Zemlianichenko, Pool)
  • Mondo
  • mercoledì 15 gennaio 2020

Putin ha dimesso il governo russo

Dopo aver proposto importanti modifiche alla Costituzione, forse allo scopo di restare al potere anche dopo la fine del suo mandato presidenziale

Vladimir Putin (AP Photo/Alexander Zemlianichenko, Pool)

Mercoledì il primo ministro russo Dmitry Medvedev e tutti i ministri del suo governo si sono dimessi. La notizia è stata diffusa dopo un importante discorso del presidente Vladimir Putin, che aveva annunciato la sua intenzione di tenere un referendum per introdurre cambiamenti significativi alla Costituzione dando più poteri al Parlamento e al governo e togliendoli proprio al presidente. Medvedev ha detto di essersi dimesso per dare a Putin il necessario margine di manovra per introdurre i cambi alla Costituzione annunciati poco prima. Ora sarà proprio Putin a dover nominare un nuovo governo, in quella che è stata letta da tutti gli analisti e osservatori come una mossa di Putin per restare al potere anche oltre la fine del suo mandato da presidente, nel 2024.

Leggi anche: Vent’anni di Putin

L’ufficio stampa della presidenza russa ha fatto sapere che Putin proporrà alla Duma di nominare primo ministro Mikhail Mishustin, una figura poco nota in Russia che dal 2010 dirige l’agenzia delle entrate nazionale.

La mossa di Putin, di cui non si conoscono ancora bene né i dettagli né i tempi, è stata vista come un tentativo del presidente di mantenere il potere in Russia anche dopo la fine del suo attuale mandato (nel 2024). La Costituzione russa non permette infatti più di due mandati consecutivi da presidente: Putin è al suo quarto mandato, ma dopo i primi due ha ricoperto il ruolo di primo ministro sotto la presidenza di Medvedev. La nuova riforma darebbe più poteri al primo ministro – incarico che Putin potrebbe svolgere – e a una nuova istituzione chiamata Consiglio di Stato.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.