Città del Vaticano
  • Mondo
  • martedì 17 Dicembre 2019

Papa Francesco ha abolito il “segreto pontificio” per i casi di abusi sessuali e abusi su minori

Era un ordine di segretezza che riguardava tutti i coinvolti in denunce e processi e che impediva anche segnalazioni ad autorità di altri stati

Città del Vaticano

Papa Francesco ha abolito il “segreto pontificio” per i casi di abusi sessuali e abusi su minori e ha reso più grave il reato di detenzione e diffusione di immagini pornografiche che coinvolgano persone fino all’età di 18 anni (prima il limite era 14 anni).

Le due decisioni sono contenute in altrettanti documenti pubblicati oggi dal Vaticano. Il primo documento è quello che riguarda il cosiddetto “segreto pontificio”, ovvero un ordine di segretezza che viene imposto a tutte le persone coinvolte in certi processi del Vaticano e che per ordine del Papa non sarà più imposto nei casi di denunce e processi per “violenza e di atti sessuali compiuti sotto minaccia o abuso di autorità” e “abuso sui minori e su persone vulnerabili”. La rimozione del divieto renderà più trasparenti i processi del Vaticano per abusi sessuali e farà sì che non esistano leggi del Vaticano che impediscano gli adempimenti previsti dalle leggi degli stati in cui si verificano gli abusi.

Il secondo documento riguarda l’estensione del reato di detenzione e diffusione di immagini pornografiche, che esisteva già ma non era considerato uno dei reati più gravi e riguardava solo immagini di minori fino ai 14 anni.

– Leggi anche: Secondo la Chiesa il problema sono gli abusi o i gay?

Una donna mostra un'immagine di Papa Francesco a Papa Francesco, durante l'udienza generale settimanale in piazza San Pietro (ANSA/ ANGELO CARCONI)