• Italia
  • mercoledì 11 dicembre 2019

ArcelorMittal ha annunciato la cassa integrazione per 3.500 lavoratori dell’ex ILVA, dopo che il tribunale di Taranto aveva respinto la richiesta di una proroga per la messa a norma dell’altoforno 2

ArcelorMittal ha annunciato ai sindacati che 3.500 lavoratori dell’ex ILVA di Taranto saranno messi in cassa integrazione, poiché il tribunale di Taranto ha respinto la richiesta di una proroga per la messa a norma dell’altoforno 2. La cassa integrazione sarà straordinaria e riguarderà anche i 1.273 lavoratori già in cassa integrazione ordinaria. La notizia è stata confermata su Twitter da Marco Bentivogli, segretario generale della Federazione Italiana Metalmeccanici.

Senza la proroga per la messa a norma dell’altoforno, ArcelorMittal ha tempo solo fino al 13 dicembre per mettere a norma l’altoforno, un tempo ritenuto incongruo dall’azienda, che ha quindi deciso di spegnere l’altoforno e sospendere parte della produzione dell’ex ILVA. ArcelorMittal dovrebbe fare ricorso al tribunale del Riesame.

(Michele Amoruso/Pacific Press via ZUMA Wire)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.