(ANSA/CLAUDIO GIOVANNINI)
  • Italia
  • lunedì 9 dicembre 2019

Il terremoto di oggi in provincia di Firenze

Alle quattro del mattino, con epicentro nel Mugello: ci sono danni ma nessun ferito, sembra; alcuni treni sono ancora fermi e le scuole della zona sono state chiuse

(ANSA/CLAUDIO GIOVANNINI)

Alle 4:37 di lunedì mattina c’è stato un terremoto di magnitudo 4.5 in provincia di Firenze: l’epicentro è stato registrato a Scarperia e San Piero, comune a circa 30 chilometri dal capoluogo toscano, nel Mugello, mentre l’ipocentro è stato a 9 chilometri di profondità. Nelle ore successive ci sono state altre scosse di minore entità, l’ultima delle quali di magnitudo 3.0, registrata alle 6:29.

Al momento non ci sono notizie di feriti: «Non c’è nessuna situazione di allarme, non ci sono danni a persone» e quelli degli immobili «non sono particolarmente gravi», ha dichiarato la prefetta di Firenze Laura Lega. In seguito alle scosse di terremoto, è stato sospeso il traffico ferroviario nel nodo di Firenze per verifiche tecniche sulle linee ed è stata sospesa l’alta velocità tra Firenze e Bologna, oltre che diverse linee regionali. La situazione dei treni sta però tornando alla normalità (la circolazione dei treni sull’alta velocità è ripresa alle 8.25, ad esempio) e gli aggiornamenti si possono leggere qui.

In via precauzionale è stata comunque decisa la chiusura delle scuole in tutto il Mugello: a Barberino di Mugello, Borgo San Lorenzo, Dicomano, Marradi, Palazzuolo sul Senio, Firenzuola, Vaglia, Vicchio, Scarperia e San Piero. Questa mattina alle 7 la Protezione civile di Firenze ha aperto il Centro coordinamento soccorsi che tornerà a riunirsi a mezzogiorno. Secondo quanto dichiarato al momento sarebbero oltre 25 gli interventi dei vigili del fuoco per crepe in alcune abitazioni.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.