Il dittatore nordcoreano Kim Jong-un taglia un nastro durante l'inaugurazione della città di Samjiyon, il 2 dicembre 2019, stando alle informazioni fornite dall'agenzia di stampa statale KCNA (Korean Central News Agency/Korea News Service via AP)
  • Mondo
  • martedì 3 dicembre 2019

C’è una nuova città in Corea del Nord

Si chiama Samjiyon e l'ha voluta Kim Jong-un: si dice che l'abbiano costruita in parte giovani “schiavizzati”

Il dittatore nordcoreano Kim Jong-un taglia un nastro durante l'inaugurazione della città di Samjiyon, il 2 dicembre 2019, stando alle informazioni fornite dall'agenzia di stampa statale KCNA (Korean Central News Agency/Korea News Service via AP)

Lunedì in Corea del Nord è stata inaugurata una nuova città: si chiama Samjiyon ed è stata costruita vicino al monte Paektu, uno dei simboli nazionali del paese e la montagna più alta della penisola coreana, sulla cui cima, secondo la famiglia del dittatore Kim Jong-un, sarebbe nato Kim Jong-il (cioè suo padre). È su quel monte che Kim si era fatto fotografare su un cavallo bianco lo scorso ottobre. Si trova nel nord-est del paese, vicino al confine con la Cina.

L’agenzia di stampa di stato KCNA ha raccontato che Samjiyon è stata inaugurata con una grande festa con fuochi d’artificio; il quotidiano del regime Rodong Sinmun ha diffuso alcune fotografie di Kim che taglia un nastro rosso durante la cerimonia, con la città sotto la neve.

Fotografia senza data diffusa nel 2018 dal governo nordcoreano in cui si vede Kim Jong-un durante una visita al cantiere di Samjiyon (Korean Central News Agency/Korea News Service via AP)

A Samjiyon ci sono complessi di appartamenti, hotel, piste da sci, centri commerciali, un ospedale, un museo sulla storia della Corea del Nord e uno stadio per gli sport invernali. Oltre alle infrastrutture cittadine il progetto della città prevede anche la costruzione di una linea ferroviaria diretta a Hyesan, 10mila alloggi e uno stabilimento per la lavorazione di mirtilli e patate, i due principali prodotti agricoli della zona.

Secondo KCNA fino a quattromila famiglie possono vivere a Samjiyon. La costruzione della città è stata una delle maggiori iniziative economiche di Kim, ma ha presentato diversi problemi, come la carenza di materiali da costruzione a causa delle sanzioni imposte dall’estero e la mancanza di forza lavoro, che hanno allungato i lavori oltre il previsto, fino a quasi dieci anni complessivi.

Per questa ragione Kim aveva coinvolto nei lavori gruppi di giovani (compresi gli studenti, durante le vacanze scolastiche) che, secondo alcune persone scappate dalla Corea del Nord e alcune organizzazioni umanitarie, sarebbero stati sfruttati come «schiavi»: non sarebbero stati pagati e sarebbero stati obbligati a lavorare per più di 12 ore al giorno. In cambio avrebbero ricevuto la possibilità di studiare all’università o di entrare nel partito di regime.

Un monumento a Kim Il-sung a Samjiyon, il 17 agosto 2018 (AP Photo/Ng Han Guan)

Durante una recente visita al cantiere della città l’agenzia di stampa Agence France-Presse aveva visto migliaia di persone al lavoro, tra cui molti militari. Non si sa quanto sia costato finora il progetto e non c’è nemmeno una data ufficiale di fine lavori, anche se Kim Jong-un aveva chiesto che fossero conclusi entro l’ottobre 2021, per il 75esimo anniversario della fondazione del partito di regime.

Una visita di Kim Jong-un a Samjiyon diffusa dal governo nordcoreano il 16 ottobre 2019 (Korean Central News Agency/Korea News Service via AP)

Un altro monumento di Samjiyon, il 17 agosto 2018 AP Photo/Ng Han Guan)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.