Uno sciopero di USB a Roma, 3 giugno 2019 (Elisa Bianchini/Pacific Press via ZUMA Wire)
  • Italia
  • venerdì 29 novembre 2019

Lo sciopero generale e nazionale di oggi

Potrebbero esserci disagi per i treni regionali, ma nelle città maggiori non sono previsti scioperi dei trasporti: le cose da sapere

Uno sciopero di USB a Roma, 3 giugno 2019 (Elisa Bianchini/Pacific Press via ZUMA Wire)

Oggi, venerdì 29 novembre, è in corso uno sciopero generale nazionale, organizzato dal sindacato USB (Unione Sindacale di Base) per protestare contro la gestione dello stabilimento ex ILVA e richiedere «un intervento pubblico nell’industria e nelle infrastrutture». Oltre allo sciopero è stata organizzata anche una manifestazione a Taranto.

Gli orari dello sciopero variano da settore a settore: quello ferroviario durerà dalla mezzanotte di venerdì alle 21. Trenord – che gestisce il trasporto regionale in Lombardia – ha fatto sapere che rispetterà le fasce orarie di garanzia che vanno dalle 6 alle 9 e dalle 18 alle 21, durante le quali viaggeranno i treni garantiti in caso di sciopero (che si possono consultare a questa pagina); anche Trenitalia rispetterà le stesse fasce orarie di garanzia, che valgono solo per i treni regionali (i treni garantiti in caso di sciopero li trovate qui). Le Frecce e gli altri treni a lunga percorrenza di Trenitalia non subiranno variazioni. Italo, invece, ha pubblicato la lista dei treni garantiti, senza dare ulteriori informazioni sulle modalità di adesione allo sciopero.

Lo sciopero del trasporto pubblico locale verrà attuato con modalità e orari diversi a seconda della città, anche se non è previsto nessuno sciopero né a Roma né a Milano, dove ci sarà uno sciopero dei trasporti già giovedì. Le città maggiori dove potrebbero esserci disagi sono Reggio-Emilia, Modena, Bologna, e Trieste. Nessun disagio invece per il trasporto aereo, che non sarà coinvolto dallo sciopero.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.