• Mondo
  • giovedì 21 novembre 2019

L’Iran ha cominciato a riattivare Internet dopo quasi una settimana di blocco

Da giovedì Internet è tornata ad essere disponibile per diverse persone a Tehran e nel resto dell’Iran, dopo che per quasi una settimana l’accesso a Internet era stato bloccato dal governo in quello che probabilmente è stato un tentativo di contenere le proteste contro l’aumento del prezzo della benzina. La notizia della riattivazione di Internet è stata confermata anche dall’agenzia di stampa iraniana Fars News Agency (FNA), che ha citato fonti anonime.

Lo spegnimento di Internet, che aveva riguardato quasi la totalità della popolazione, era iniziato contemporaneamente alle prime manifestazioni di protesta per via dell’aumento dei prezzi del carburante, venerdì 15 novembre. Le manifestazioni sono poi cresciute e secondo Amnesty International negli scontri con la polizia sono state uccise almeno 100 persone.

Un distributore di benzina incendiato a Teheran. (AP Photo/Ebrahim Noroozi)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.