• Mondo
  • giovedì 21 novembre 2019

Dall’inizio del 2019 in Congo quasi 5000 persone sono morte di morbillo

Dall’inizio del 2019 in Congo quasi 5000 persone sono morte di morbillo, hanno detto le autorità del paese. In tutto ci sono stati circa 250.000 casi di presunto contagio, in quella che l’Organizzazione mondiale della Sanità ha definito la più grave epidemia del mondo. A settembre, per provare a fermare l’epidemia, era stato avviato un enorme programma di vaccinazione dei bambini del paese: più di 800mila bambini avrebbero dovuto ricevere il vaccino per il morbillo, ma l’inadeguatezza delle strutture mediche nel paese ha fatto sì che fino ad ora meno di metà di loro sia stata vaccinata. Quasi tutti i morti per via dell’epidemia sono bambini.

(AP Photo/Ben Curtis, File)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.