• Mondo
  • lunedì 18 novembre 2019

In Cina è stato confermato il terzo caso di peste in pochi giorni

Le autorità della Mongolia Interna, in Cina, hanno confermato che a un uomo di 55 anni è stata diagnosticata la peste bubbonica, il terzo caso di peste confermato in Cina dopo i due casi di peste polmonare diagnosticati a Pechino su due pazienti provenienti dalla Mongolia Interna. Le autorità hanno detto che il nuovo paziente ha contratto la peste dopo aver mangiato un coniglio selvatico e hanno aggiunto che per ora non ci sono prove che leghino questo caso di peste ai due diagnosticati a Pechino. Il nuovo paziente è stato isolato, così come altre 28 persone che erano entrate in stretto contatto con lui prima della diagnosi.

La peste c’è ancora

La città di Hohhot, capitale della Mongolia Interna (Ap Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.