• Mondo
  • venerdì 15 novembre 2019

L’impiegato delle poste che lo scorso agosto aveva stuprato e ucciso una studentessa di Città del Capo è stato condannato a tre ergastoli

L’uomo che lo scorso agosto aveva stuprato e ucciso una studentessa di Città del Capo è stato condannato a tre ergastoli. Il femminicidio di Uyinene Mrwetyana, che aveva 19 anni e che era scomparsa mentre andava a ritirare un pacco presso l’ufficio postale locale, aveva dato il via a grandi manifestazioni di protesta in tutto il Sudafrica, contro la violenza sulle donne e contro l’incapacità del governo di affrontare il problema. Qualche giorno dopo la sua scomparsa, il corpo di Uyinene Mrwetyana era stato ritrovato: Luyanda Botha, un impiegato delle poste, era stato arrestato e in tribunale aveva confessato di averla violentata e picchiata all’interno dell’ufficio, che si trova proprio accanto a una stazione di polizia.

Ogni giorno in Sudafrica, dicono i dati ufficiali, vengono commesse almeno 137 aggressioni sessuali. Qualche giorno fa la ministra delle Donne, Maite Nkoana-Mashabane, ha detto che soltanto lo scorso agosto più di 30 donne sono state uccise dai loro mariti e compagni.

La manifestazione contro la violenza sulle donne fuori dal parlamento, Città del Capo, 5 settembre (EPA/NIC BOTHMA/ansa)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.