• Mondo
  • giovedì 14 novembre 2019

A Baghdad quattro manifestanti sono morti dopo essere stati colpiti da bombole di gas lacrimogeno per uso militare

Giovedì a Baghdad, in Iraq, quattro persone che stavano partecipando alle manifestazioni contro il governo sono morte dopo essere state colpite da bombole di gas lacrimogeno per uso militare lanciate dalle forze dell’ordine. Lo scrive l’agenzia di stampa Agence France-Presse, citando “fonti mediche”. È successo vicino a piazza Tahrir, il centro delle proteste di queste settimane.

Secondo le Nazioni Unite già 16 persone erano morte a causa di queste bombole per uso militare, che sono dieci volte più pesanti di quelle usate normalmente dalla polizia. Secondo Amnesty International, nota organizzazione per la difesa dei diritti umani, i manifestanti colpiti dalle bombolette hanno sofferto «ferite e morti tremende dopo che sono stati colpiti alla testa».

Dal primo ottobre sono morte più di 330 persone nelle proteste e nella loro repressione, quasi tutte manifestanti. Le proteste sono rivolte contro il governo guidato dal primo ministro Abdul Mahdi e le pessime condizioni economiche in cui si trovano molti iracheni.

Un manifestante iracheno che si prepara a rilanciare una bomboletta di gas lacrimogeno lanciata dalla polizia a Baghdad, il 13 novembre 2019 (AP Photo/Khalid Mohammed)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.