• Mondo
  • mercoledì 13 novembre 2019

Diciotto palestinesi sono stati uccisi nei bombardamenti compiuti da Israele sulla Striscia di Gaza

Diciotto palestinesi sono stati uccisi nei bombardamenti cominciati da Israele martedì nella Striscia di Gaza, ha detto il ministro della Salute della Striscia, che ha parlato anche di almeno 50 feriti. Gli attacchi di Israele erano iniziati come risposta al lancio di decine di razzi da parte del Jihad Islamico verso numerose città israeliane, a sua volta cominciato come ritorsione per l’uccisione di Abu al Ata, avvenuta a Gaza nella notte tra lunedì e martedì.

La situazione tra Israele e la Striscia è molto tesa. Il governo israeliano ha ordinato la chiusura delle scuole e la sospensione di tutte le attività non essenziali nelle aree colpite dai razzi del Jihad Islamico, e secondo Haaretz si starebbe preparando a un eventuale aumento delle violenze.

La casa di Baha Abu al Ata, comandante del Jihad Islamico ucciso nella notte tra lunedì e martedì (MAHMUD HAMS / AFP)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.