La NASA ha rinominato l’oggetto spaziale più distante mai visitato “Arrokoth”

Martedì la NASA ha ufficialmente rinominato l’oggetto spaziale più distante mai visitato – sorvolato all’inizio dell’anno dalla sonda New Horizons – “Arrokoth”, una parola che significa “cielo” nella lingua nativa americana della tribù dei Powhatan, dopo essere stata criticata per il nome scelto in precedenza, “Ultima Thule”. Questo nome infatti, sebbene inizialmente usato nella tarda antichità e nel Medioevo per indicare un’ipotetica terra ai confini del mondo, fu usato all’inizio del Novecento dai gruppi di estrema destra tedeschi che credevano nell’esistenza della “razza ariana”. Tuttora l’espressione è usata in ambienti di estrema destra.

Arrokoth è un oggetto spaziale relativamente piccolo con un’estensione massima di 30 chilometri che si trova nella fascia di Kuiper, un’area del Sistema Solare oltre l’orbita del pianeta Nettuno densa di oggetti congelati e sui quali sappiamo ancora poche cose. È appena visibile data la sua grande distanza dal Sole e per la sua forma è stato paragonato a una coscia di pollo e a un pupazzo di neve. Il suo nome tecnico, quello usato dagli scienziati, è 2014 MU69.

Da circa 30 anni sappiamo dell’esistenza della fascia di Kuiper e da allora gli astronomi stanno cercando di comprenderne meglio la composizione. Si ipotizza che la fascia sia occupata da milioni di corpi celesti formati per lo più da ghiaccio. A differenza della fascia principale, che si estende tra Marte e Giove, quella di Kuiper non ospita asteroidi, ma frammenti che divennero una sorta di scarto dopo il processo di formazione del nostro Sistema Solare, circa 4,5 miliardi di anni fa. Da allora sono rimasti praticamente invariati, quindi il loro studio potrebbe fornire importanti informazioni per capire come si formarono i pianeti, compreso quello che abitiamo.

L'immagine più dettagliata arrivata finora di Ultima Thule, rinominato "Arrokoth", scattata dalla sonda New Horizons a una distanza di circa 28mila chilometri dall'oggetto spaziale (NASA/Johns Hopkins University Applied Physics Laboratory/Southwest Research Institute)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.