• Mondo
  • domenica 10 novembre 2019

Sono stati revocati gli arresti domiciliari al leader dell’opposizione cambogiana Kem Sokha

Sono stati revocati gli arresti domiciliari al leader dell’opposizione cambogiana Kem Sokha, arrestato circa due anni fa e poi condannato per tradimento. Nonostante la revoca, Reuters scrive però che le accuse nei confronti di Sokha non sono state ritirate e che quindi non può partecipare alla vita politica o lasciare il paese. Sokha ha 66 anni e dopo il suo arresto nel 2017 al suo partito – il Partito della Salvezza Nazionale della Cambogia – era stato vietato di partecipare alle elezioni. Sokha è accusato di aver complottato con alcuni paesi stranieri per ottenere la destituzione del primo ministro Hun Sen, al potere dal 1985.

(AP Photo/Heng Sinith)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.