• Mondo
  • giovedì 31 ottobre 2019

Circa 800 cittadini cinesi sono stati arrestati in Mongolia in un’indagine su alcuni crimini informatici

Circa 800 cittadini cinesi sono stati arrestati a Ulan Bator, la capitale della Mongolia, in un’indagine su alcuni crimini informatici. Lo scrive Reuters, che parla anche del sequestro di centinaia di computer e di schede SIM. Gli arresti sono avvenuti dopo che martedì c’erano state diverse perquisizioni e dopo due mesi di indagini. Gerel Dorjpalam, capo dell’agenzia d’intelligence della Mongolia, ha detto che i reati avevano a che fare, tra le altre cose, con scommesse illegali, frode, attività di hacking, furto di identità e riciclaggio di denaro. Sempre Reuters scrive che tutti i cinesi arrestati erano entrati in Mongolia grazie a un visto turistico di 30 giorni. All’inizio di ottobre più di 500 immigrati irregolari, molti dei quali provenienti dalla Cina, erano stati arrestati nelle Filippine per truffa informatica.

(AP Photo/Mark Schiefelbein)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.