• Mondo
  • giovedì 10 ottobre 2019

Più di 500 immigrati irregolari sono stati arrestati nelle Filippine per truffa informatica

Mercoledì nelle Filippine la polizia ha arrestato più di 500 persone con l’accusa di aver messo in atto truffe informatiche. Gli arrestati sono tutti immigrati irregolari (di cui 400 provenienti dalla Cina e altri da Myanmar, Malesia, Vietnam, Taiwan e Indonesia) che vivevano nell’area metropolitana di Manila, la capitale del paese: sono accusati di aver truffato per lo più persone residenti in Cina, ricattandole oppure ingannandole in modo da farsi inviare denaro.

(Dondi Tawatao/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.