• Mondo
  • lunedì 28 ottobre 2019

L’Unione Europea ha approvato un rinvio di Brexit al 31 gennaio

Lo ha detto il presidente del Consiglio Europeo Donald Tusk, spiegando che però il Regno Unito potrà uscire dall'Unione Europea anche prima

Il presidente del Consiglio Europeo Donald Tusk ha detto che l’Unione Europea ha approvato il rinvio di Brexit al 31 gennaio come chiesto dal Regno Unito lo scorso 19 ottobre. Il rinvio, che dovrà essere formalizzato nelle prossime ore, è necessario per evitare che il 31 ottobre il Regno Unito lasci l’Unione Europea senza un accordo sui loro rapporti futuri (il cosiddetto no deal), visto che il parlamento britannico non ha approvato in tempo nemmeno l’ultimo accordo negoziato dall’Unione Europea con il governo di Boris Johnson. Il nuovo rinvio sarà “flessibile”, poiché permetterà al Regno Unito di lasciare l’Unione Europea in anticipo rispetto al 31 gennaio se il parlamento approverà l’accordo su Brexit. Ma il nuovo rinvio darà anche tempo al Regno Unito di andare a nuove elezioni come chiesto da Johnson: se si voterà a dicembre, come proposto dal governo, potrebbe quindi essere il nuovo parlamento ad occuparsi dei voti decisivi su Brexit.

Brexit non finirà mai

Boris Johnson e Donald Tusk (Andrew Parsons - Pool/Getty Images)
TAG:

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.