• Mondo
  • mercoledì 23 ottobre 2019

Il governo di Hong Kong ha formalmente ritirato l’emendamento sull’estradizione che aveva fatto iniziare le proteste degli ultimi mesi

Il governo di Hong Kong ha formalmente ritirato l’emendamento sull’estradizione verso la Cina che aveva fatto iniziare le proteste degli ultimi mesi. L’emendamento era stato proposto per permettere l’estradizione verso Taiwan di un 19enne di Hong Kong accusato di avere ucciso la propria fidanzata 20enne durante una vacanza a Taiwan. Se fosse stato approvato avrebbe permesso l’estradizione verso la Cina continentale, Taiwan e Macao per alcuni reati gravi, ma secondo gli oppositori l’emendamento avrebbe anche esposto Hong Kong al problematico e illiberale sistema giudiziario cinese, riducendo l’autonomia della regione. Le proteste contro l’emendamento erano cominciate lo scorso giugno, provocando inizialmente un rinvio della sua discussione in parlamento; la governatrice di Hong Kong Carrie Lam a luglio aveva detto che l’emendamento era “morto”, ma il suo ritiro effettivo è stato chiesto formalmente solo oggi.

Le proteste iniziate a giugno si sono intanto allargate e ora sono genericamente indirizzate al governo di Hong Kong e alla Cina, che da tempo sta cercando di accrescere il suo controllo sulla regione.

(Anthony Kwan/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.