• Mondo
  • martedì 22 ottobre 2019

A Oslo un uomo armato ha investito alcune persone con un’ambulanza rubata

La polizia lo ha arrestato dopo avergli sparato, e ore dopo ha fermato anche una donna: non ci sono feriti gravi, e non è ancora chiaro se sia stato terrorismo

Martedì mattina a Oslo, in Norvegia, almeno cinque persone sono rimaste ferite dopo essere state investite da un’ambulanza guidata da un uomo armato che l’aveva rubata poco prima. L’uomo, di 32 anni, è stato arrestato dalla polizia, che per fermarlo gli ha sparato, ferendolo in modo non grave. Qualche ora dopo, una donna 25enne è stata arrestata con l’accusa di essere coinvolta nell’episodio: entrambi hanno «legami con l’estrema destra», ha detto la polizia, che però non ha ancora detto se considera quello che è successo un attentato terroristico. In una descrizione diffusa durante le ricerche della donna, la polizia aveva detto che sembrava «ubriaca».

Tutto è successo nel quartiere di Torshov: dalle prime ricostruzioni si è capito che l’ambulanza era intervenuta per un piccolo incidente stradale, quando è stata rubata dall’uomo armato, che era una delle persone soccorse. Ha poi percorso circa un chilometro e mezzo, prima di scontrarsi con un’altra ambulanza: a quel punto la polizia ha sparato all’autista, riuscendo a bloccarlo e ad arrestarlo. Johan Fredriksen, vice capo della polizia, ha detto che l’uomo ha guidato l’ambulanza sul marciapiede con l’intento deliberato di investire i pedoni. Tra le persone investite c’è anche una donna che spingeva un passeggino con due gemelli di pochi mesi, oltre a una coppia di anziani: nessuno è in condizioni gravi, scrive Reuters.

(Stian Lysberg Solum/NTB scanpix via AP)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.