• Mondo
  • venerdì 18 ottobre 2019

Le foto delle proteste in Libano

A Beirut, la capitale, ma anche altrove: contro il governo e le tasse che voleva introdurre per via della critica situazione economica

Da ieri in Libano, in particolare nella capitale Beirut, ci sono proteste contro il governo e scontri tra manifestanti e polizia, che ha usato gas lacrimogeni per disperderli. Non ci sono ancora informazioni su eventuali feriti o manifestanti arrestati, ma Al Jazeera scrive che due lavoratori stranieri sono morti a Beirut in un incendio iniziato vicino a dove si stava protestando. I giornali stanno raccontando le proteste di questi giorni come le più grandi degli ultimi anni, in un paese in profonda crisi economica, in cui il debito pubblico – pari a circa 86 miliardi di dollari – corrisponde al 150 per cento del prodotto interno lordo.

Le proteste erano iniziate ieri contro il piano del governo di imporre nuove tasse su diversi beni e servizi, tra cui il tabacco, la benzina e le telefonate fatte via internet. Il governo aveva infatti proposto una tassa di circa 20 centesimi di euro al giorno per le chiamate vocali, fatte ad esempio su WhatsApp. È il motivo per cui diversi giornali hanno parlato di una protesta contro una tassa su WhatsApp, ma in realtà è una questione molto più grande: anche perché nel frattempo il governo ha ritirato la tassa sulle telefonate fatte via Internet, ma le proteste non si sono fermate. In un video pubblicato da Al Jazeera, un manifestante dice: «Non siamo qui per WhatsApp; siamo qui per la benzina, il cibo, il pane e tutto il resto».

I manifestanti – alcuni dei quali hanno circondato la sede del governo e del Parlamento urlando lo slogan “Rivoluzione!” – stanno protestando più in generale contro la classe politica attuale e il governo in carica, accusato di essere responsabile della cattiva situazione economica del paese. Il primo ministro Saad al-Harir, che è in carica da inizio anno e guida un governo di coalizione di cui fanno parte tutti i principali partiti, ha annullato un incontro di governo previsto per questa sera e ha annunciato che farà un discorso in cui parlerà al paese.

(AP Photo/Hassan Ammar)
TAG:

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.