• Italia
  • giovedì 17 ottobre 2019

Sono stati recuperati i corpi di 7 persone dal relitto della barca affondata il 7 ottobre vicino a Lampedusa

Sono stati recuperati altri sette corpi dal relitto della barca affondata lunedì 7 ottobre a pochi chilometri dalla costa di Lampedusa. Sono stati trovati a una profondità di 60 metri dal rov, un robot utilizzato per scandagliare il fondale nella zona del naufragio; Repubblica scrive che tra loro c’è anche un bambino.

Martedì scorso erano stati trovati i corpi di 12 passeggeri. Secondo la ricostruzione di Repubblica, la barca era affondata perché «alla vista delle motovedette giunte dall’isola alcuni dei migranti a bordo cominciarono ad agitarsi provocando il ribaltamento e il rapido affondamento dell’imbarcazione». Fra i passeggeri della barca erano stati soccorsi in 22. Le operazioni di ricerca non erano iniziate nei giorni successivi al naufragio a causa del cattivo tempo.

Le bare con i corpi di alcune delle donne morte nel naufragio avvenuto vicino a Lampedusa il 7 ottobre 2019 (ANSA/ PASQUALE CLAUDIO MONTANA LAMPO)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.