• Mondo
  • lunedì 14 ottobre 2019

Migliaia di manifestanti indipendentisti stanno bloccando l’accesso all’aeroporto di Barcellona: ci sono stati scontri e più di 100 voli sono stati cancellati

All’aeroporto El Prat di Barcellona migliaia di manifestanti stanno protestando contro la decisione di condannare a diversi anni di carcere i principali leader indipendentisti processati per gli eventi che nell’ottobre 2017 portarono alla dichiarazione unilaterale dell’indipendenza della Catalogna. Ci sono stati scontri tra polizia e manifestanti indipendentisti, che sono arrivati all’aeroporto a piedi percorrendo quasi 16 chilometri dal centro città, dopo che la polizia aveva sospeso i mezzi di trasporto pubblici per evitare assembramenti e proteste. Almeno quattro persone sono state ferite e portate in ospedale e più di cento voli sono stati cancellati.

Gli scontri sono avvenuti dentro e fuori l’aeroporto, dove c’è stato anche il lancio di fumogeni da parte della polizia.

Oltre a quelle all”aeroporto El Prat ci sono state altre proteste in Catalogna, tutte con lo scopo di rendere difficili gli spostamenti sulle strade, con i treni e con gli aerei. Le proteste di oggi sono coordinate per lo più dal gruppo indipendentista Tsunami Democràtic.

I gruppi e comitati indipendentisti avevano promesso azioni di protesta e sabotaggio in caso di condanna al carcere dei leader indipendentisti.

Manifestanti all'aeroporto El Prat di Barcellona, 14 ottobre 2019 (AP Photo/Emilio Morenatti)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.