• Italia
  • giovedì 10 ottobre 2019

Conte si dice “a disposizione per concordare un incontro” con il COPASIR riguardo al suo ruolo nel caso Trump-Russia

Intervistato dal TG3, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha detto di aver scritto una lettera al deputato leghista Raffaele Volpi per complimentarsi della sua nomina a presidente del COPASIR (il comitato parlamentare di controllo sui servizi di intelligence), e per dichiarare la propria disponibilità a riferire riguardo al proprio coinvolgimento nel caso Trump-Russia.

Questa settimana è infatti emerso che Conte, negli scorsi mesi, autorizzò due incontri ritenuti molto irrituali tra i capi dei servizi segreti italiani e William Barr, il procuratore generale statunitense – più o meno l’equivalente del nostro ministro della Giustizia – inviato dal presidente Donald Trump a cercare le prove di un fantasioso complotto ai suoi danni. I critici di Conte, come l’ex segretario del PD Matteo Renzi, accusano il presidente del Consiglio di aver gestito la vicenda con poca trasparenza e gli hanno chiesto di riferire l’accaduto al COPASIR.

Cosa c’entra Conte con Trump e la Russia

(ANSA/CLAUDIO PERI)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.