• Mondo
  • mercoledì 9 ottobre 2019

Tutti i principali partner cinesi della NBA hanno sospeso i loro accordi con la lega, per questioni legate alle proteste di Hong Kong

Tutti i principali partner cinesi della NBA, il più importante campionato di basket al mondo, hanno sospeso i loro accordi commerciali con la lega, in seguito alla decisione della NBA di non chiedere scusa per le opinioni del general manager degli Houston Rockets in difesa delle proteste di Hong Kong. Come scrive CNN, tutti gli 11 partner unicamente cinesi che avevano accordi con la NBA li hanno sospeso nelle ultime ore, rendendolo noto sui social o attraverso dichiarazioni o comunicati. Tra queste società ci sono il sito di viaggi CTrip, la catena di fast food Dicos e le aziende Changhong Electric, Migu e Xiaoying Technology. Non hanno per ora preso posizione alcune aziende che sono invece cinesi solo in parte. Sempre CNN spiega che il mercato cinese rappresenta circa il 10 per cento delle entrate della NBA.

Il general manager della squadra di NBA degli Houston Rockets Daryl Morey aveva scritto su Twitter un messaggio di solidarietà con le proteste di Hong Kong, che aveva subito messo in grossa difficoltà l’NBA con i suoi partner cinesi. Dopo molte discussioni, oggi il capo della NBA Adam Silver aveva detto che la lega non avrebbe chiesto scusa per le opinioni di Morey.

(Kevin Frayer/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.