La Lega ha depositato in Cassazione un referendum sulla legge elettorale

Lunedì mattina una delegazione della Lega, guidata dal vicepresidente del Senato Roberto Calderoli, ha depositato in Cassazione un quesito che propone un referendum abrogativo di una parte dell’attuale legge elettorale. I referendum abrogativi per essere presentati necessitano delle firme di 500mila cittadini, oppure dell’appoggio di almeno cinque consigli regionali: in questo caso il quesito è stato sostenuto dai consigli regionali di Veneto, Sardegna, Lombardia, Friuli, Piemonte, Abruzzo, Liguria e Basilicata (tutte regioni governate dal centrodestra, in molti casi dalla stessa Lega).

Il quesito propone di abrogare la parte proporzionale dell’attuale legge elettorale, il cosiddetto Rosatellum, lasciando quindi una legge con un sistema maggioritario puro. «Con una legge elettorale completamente maggioritaria si impediranno le nascite di governi come l’attuale», ha detto stamattina Calderoli, che ha anche annunciato che la Lega avvierà una raccolta firme per l’elezione diretta del Presidente della Repubblica.

 

(ANSA/GIUSEPPE LAMI)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.